top of page

𝑳𝒖𝒄𝒆 𝒐 𝑹𝒊𝒇𝒍𝒆𝒔𝒔𝒐?

Instagram mi ricorda, proprio oggi che esattamente 4 anni fa ero immersa nella natura almeno tanto quanto, oggi, sono sommersa dai pensieri.

Una natura con la quale abbiamo perso il contatto. La stessa che potremmo considerare impossibilitata a "snaturarci" come, invece, hanno la capacità di fare gli individui.

Proprio come un centinaio di sciocchi, non fanno un uomo saggio, una decisione eroica non è incline a provenire da cento codardi.

Il risultato di tutto ciò è la terrificante rapidità dei cambiamenti.


Ma esiste per tutti il giorno zero.


Abbiamo bisogno di contadini, di poeti, gente che sa fare il pane, che ama gli alberi e riconosce il vento; che respira senza affanno e sente il calore del fuoco che arde dentro sé. Persone che si specchiano nell'acqua e sanno discernere la vera luce dal suo accecante riflesso su di essa.

Più che anni della crescita, sarebbe necessario pensare a generare anni per l'attenzione.

Attenzione a chi cade, al sole che nasce e che muore, ai ragazzi che crescono, attenzione anche a un lampione che non funziona bene, ad un muro sporco, ad un mascherina buttata per strada.

Attenzione ai gesti, alle parole, alle sensazioni e alle emozioni.

Attenzione alle presenze e a far caso a quando ci si sente vivi, felici, in pace...come se per un momento non avessimo fatto attenzione, invece, al male, al dolore, agli impegni, alle dicerie, alle cattiverie, al rancore e al rimpianto. Alla tristezza, alla depressione, all'ansia che sentiamo provenire da un mondo in continua accelerazione.

Bisogna chiudere i cicli, pur se ciò può sembrare paradossale. Come si fa a chiudere qualcosa di ciclico?

...bisogna farlo, non per orgoglio, incapacità o superbia; semplicemente perché quella cosa esula ormai dalla propria vita. Chiudi la porta, cambia musica, rimuovi tutta quella "polvere".

Se vuoi uccidere te stesso, distruggi ciò che non ti piace e non ti fa bene. Morire, senza smettere di esistere, ti consentirà di vivere.

È inutile cercare di riparare il mondo fuori, quando l'unica cosa da riparare è il mondo dentro.

Saremo "maledetti" sia se compiamo quel passo, che se non lo facciamo.


-Giulia, Akali Pavan


❗️Tutti i diritti sono riservati.

Se vuoi condividere usa tag/menzione della pagina.

Non è concesso uso differente dalla condivisione citata, senza mio consenso 🤗.

Comments


bottom of page